Home » Bonarcado

Bonarcado

Amministrazione trasparente

Amministrazione Trasparente
Disposizioni generali
Programma per la trasparenza e l'integrità
Atti generali
Oneri informativi per cittadini e imprese
Scadenzario dei nuovi obblighi amministrativi
Attestazioni OIV o struttura analoga
Organizzazione
Organi di indirizzo politico – amministrativo
Sanzioni per mancata comunicazione dei dati
Articolazione degli uffici
Telefono e posta elettronica
Consulenti e collaboratori
Personale
Incarichi amministrativi di vertice
Dirigenti
Posizioni organizzative
Dotazione organica
Personale non a tempo indeterminato
Tassi di assenza
Incarichi conferiti e autorizzati ai dipendenti
Contrattazione collettiva
Contrattazione integrativa
OIV
Bandi di concorso
Performance
Piano della Performance
Relazione sulla Performance
Ammontare complessivo dei premi
Dati relativi ai premi
Benessere organizzativo
Enti controllati
Enti pubblici vigilati
Società partecipate
Enti di diritto privato controllati
Rappresentazione grafica
Attività e procedimenti
Dati aggregati attività amministrativa
Tipologie di procedimento
Monitoraggio tempi procedimentali
Dichiarazioni sostitutive e acquisizione d’ufficio dei dati
Provvedimenti
Provvedimenti organi indirizzo politico
Provvedimenti dirigenti
Controlli sulle imprese
Bandi di gara e contratti
Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici
Criteri e modalità
Atti di concessione
Bilanci
Bilancio preventive e consuntivo
Piano degli indicatori e risultati attesi di bilancio
Beni immobili e gestione patrimonio
Patrimonio immobiliare
Canoni di locazione o affitto
Controlli e rilievi sull’amministrazione
Servizi erogati
Carta dei servizi e standard di qualità
Costi contabilizzati
Tempi medi di erogazione dei servizi
Pagamenti dell’amministrazione
Indicatore di tempestività dei pagamenti
IBAN e pagamenti informatici
Opere pubbliche
Pianificazione e governo del territorio
Informazioni ambientali
Interventi straordinari e di emergenza
Altri contenuti

Il paese di Bonarcado è situato fra le prime pendici meridionali del Montiferru, a circa 300 metri sul livello del mare. E’ il limite estremo della sottostante pianura del campidano. Rispetto al capoluogo di provincia, da cui dista 25 chilometri.è in posizione nord-ovest.Bonarcado

Il suo territorio, essendo percorso da perenni acque irrigue ( i torrenti Mannu, Cannarza e Zispiri), risulta da sempre adatto al pascolo e alla coltivazione di essenze tipiche della collina: l’olivo, la vite, alberi da frutto in genere e in particolare il ciliegio. Per cui anche attualmente l’economia continua ad essere caratterizzata dalla prevalenza del settore primario: agricoltura e allevamento. Il secondario annovera un certo numero di occupati soprattutto nel ramo dell’edilizia, mentre è più consistente il settore terziario, con il commercio e l’impiego pubblico. 
Naturalmente tutte le attività soffrono degli effetti negativi della crisi economica nazionale a cui è legata la deleteria tendenza allo spopolamento.
Costruzione in pietra_min

La popolazione odierna è al di sotto delle 1700 unità è, come succede in tanti paesi dell’interno , le famiglie si stanno concentrando nelle varie zone periferiche, a scapito del centro storico che conta già molte case abbandonate, pressoché in rovina.
I Servizi socio culturali presenti nel sito, oltre alle scuole statali primaria e secondaria di primo grado sono presenti una scuola dell’infanzia privata, la biblioteca comunale, la Parrocchia, l’oratorio, i volontari della CRI gli uffici decentrati della ASL di appartenenza, la Pro Loco, alcune associazioni culturali religiose e sportive.
Bonarcado è un centro di antiche tradizioni, infatti la sua posizione privilegiata e il clima mite, hanno favorito insediamenti umani preistorici, tramandando un ricco patrimonio archeologico della civiltà nuragica con circa una sessantina di monumenti.

Esempio di stipite in pietra_min

 

Nel Medioevo Bonarcado si trova a far parte integrante del giudicato di Arborea, assumendo in esso una certa importanza per la presenza di uno dei primi santuari mariani della Sardegna, già dal V e VI secolo. In seguito fu sede di un celebre convento di monaci benedettini provenienti dalla repubblica di Pisa i quali accumularono e gestirono un ingente patrimonio immobiliare e terriero.

Dal registro chiamato “Condaghe” compilato dai monaci di allora e giunto fino a noi si evince il notevole prestigio goduto dagli stessi presso i giudici arborensi.Palazzeddu_min

Delle vestigia e dei fasti del periodo sono rimaste la chiesa parrocchiale adiacente al suddetto Santuario e le celebrazioni che si svolgono annualmente il 18, 19 Settembre

Print Friendly
Share on FacebookEmail this to someoneShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Tumblr